L’Aquila: ultima udienza del processo contro il militare stupratore

Ascolta il resoconto [dura 6′].

Inoltre, sono arrivate minacce anonime all’avvocata del centro antiviolenza per aver difeso e sostenuto come parte civile la giovane donna.

Ecco il comunicato delle compagne:
Esprimiamo la nostra solidarietà all’avvocata Simona Giannangeli per le pesanti minacce ricevute in seguito alla condanna del militare Francesco Tuccia per stupro e lesioni gravissime: “Ti passerà la voglia di difendere le donne […] Stai attenta e guardati sempre le spalle, da questo momento questo posto non è più sicuro per te”. Continue reading “L’Aquila: ultima udienza del processo contro il militare stupratore”

L’Aquila, 31 gennaio: quarta udienza contro lo stupratore militare Tuccia

Ascolta la prima corrispondenza dal presidio davanti al tribunale de L’Aquila, per la quarta udienza del processo per lo stupro e le violenze commesse lo scorso anno contro una giovane donna a L’Aquila [dura 7′]

Ascolta la corrispondenza delle ore 19 con la sentenza [dura 12′]

—-
Venerdì 8 febbraio alle ore 21 in via dei volsci 22 ci vediamo per condividere quel che è successo e come lo abbiamo vissuto e per decidere insieme come proseguire.
Il 31 gennaio siamo state ancora una volta presenti durante il processo per stupro svoltosi nel tribunale di L’aquila. eravamo una cinquantina circa tra compagne di L’aquila, Tivoli, Roma, Bologna E Taranto. Continue reading “L’Aquila, 31 gennaio: quarta udienza contro lo stupratore militare Tuccia”

L’Aquila, 31 gennaio: ultima udienza del processo contro il militare stupratore Francesco Tuccia

Ascolta in collegamento con l’avvocata del Centro antiviolenza de L’Aquila, che è parte civile.
I collettivi femministi e lesbici e le associazioni di donne saranno presenti, come sempre, in sit-in davanti al tribunale dell’Aquila giovedì 31 gennaio [dura 8′]

—————————————-

Seguono alcuni comunicati che indicono il presidio per il 21 gennaio davanti al Tribunale dell’Aquila:

La violenza degli uomini sulle donne ci riguarda tutte e insieme rompiamo il silenzio

Si svolge oggi, 31 gennaio 2013, la quarta udienza del processo che vede imputato di stupro e tentato omicidio il militare Francesco Tuccia.
Questo processo si è svolto a porte chiuse e noi abbiamo presidiato questo tribunale ogni volta per dire che la violenza ci riguarda tutte.
Siamo qui anche per dire a lei che è forte, coraggiosa e bella. La sua forza parla a tutte noi.
In questa situazione ha contribuito a rompere il silenzio e creare solidarietà.
La violenza degli uomini sulle donne è la prima causa di morte e invalidità permanente per le donne tra i 14 ed i 66 anni.

MA LA VIOLENZA NON È IL NOSTRO DESTINO.
Continue reading “L’Aquila, 31 gennaio: ultima udienza del processo contro il militare stupratore Francesco Tuccia”

L’Aquila: 10 gennaio – CI RIGUARDA TUTTE

Il 12 febbraio 2012, in una discoteca di Pizzoli (L’Aquila), una giovane donna di 20 anni è stata stuprata e ridotta in fin di vita.

Accusato di questa aggressione e tentato omicidio è Francesco Tuccia, un militare in servizio all’Aquila per l’operazione “Strade Sicure” partita dopo il terremoto.

La ragazza è stata ridotta in fin di vita e le sono state procurate lesioni gravissime e permanenti.

Nelle prime due udienze del processo le associazioni e i collettivi di femministe e lesbiche sono stati presenti sotto il tribunale insieme al comitato “8 marzo 2012” di Tivoli, nato in solidarietà con la ragazza stuprata.
Inoltre il Centro Antiviolenza de L’Aquila è stato ammesso come parte civile nel processo.

Giovedì 10 GENNAIO alle 9.00 si terrà la terza udienza
Continue reading “L’Aquila: 10 gennaio – CI RIGUARDA TUTTE”

Quale sicurezza? Report dell’Aquila 19 novembre

Ascolta il resoconto della seconda udienza del processo contro il militare stupratore e del sit-in di donne, femministe e lesbiche che si è tenuto all’Aquila in occasione del processo (L’Aquila, 19 nov)
[dura 6′]

Quale sicurezza? Report dell’Aquila 19 novembre

Lunedì 19 novembre si è svolta la seconda udienza del processo che vede come imputato Francesco Tuccia, il militare accusato di aver violentato una studentessa fuori da una discoteca dell’Aquila.
Durante l’udienza è stato incriminato uno dei due militari che erano con Tuccia quella sera (il figlio del vice commissario di PS) per falsa testimonianza e calunnia. Continue reading “Quale sicurezza? Report dell’Aquila 19 novembre”

Da Vienna all’Aquila: presa di posizione pubblica

Le compagne del Centro autonomo per le donne/lesbiche/ragazze di Vienna hanno scritto questa lettera in solidarietà con la donna sopravvissuta allo stupro de L’Aquila.

Presa di posizione pubblica

Il 19 novembre 2012 si terrà a l’Aquila il processo per stupro di una donna che fu violentata nel febbraio 2012 nella stessa città.
Noi condanniamo nel modo più assoluto la violenza contro le donne. Troviamo molto coraggioso il fatto che la donna denunci pubblicamente lo stupro e la violenza e siamo solidali con lei.
Sappiamo che molti processi che riguardano lo stupro e la violenza contro le donne vengono minimizzati, che le donne vengono accusate di essersi comportate in maniera “sbagliata” o che non vengono credute.
Anche questo condanniamo con determinazione. Continue reading “Da Vienna all’Aquila: presa di posizione pubblica”

L’Aquila: ci riguarda tutte su RadioBlackout

Qui puoi ascoltare la trasmissione a cura delle compagne torinesi di MeDeA, in onda su Radio Blackout giovedì 18 ottobre 2012, in occasione dell’apertura a L’Aquila del processo per stupro e tentato omicidio a carico di Francesco Tuccia, militare attivo nell’operazione “Aquila sicura”.

Ecco gli interventi che abbiamo estrapolato dalla lunga diretta:

Ascolta l’intervento dell’avvocata del centro antiviolenza dell’Aquila [4’35”]

Ascolta la prima corrispondenza dal presidio [6′]

Ascolta la rassegna stampa sui militari stupratori [20′]

Ascolta il contributo di Nicoletta sul monopolio statale della violenza: si tratta di mele marce o è marcia tutta la piantagione? [23′]

Ascolta la seconda corrispondenza dal presidio [6’45”]

Ascolta una compagna del movimento No Tav sulla sicurezza delle donne nei territori militarizzati [5’40”]

Ascolta un breve approfondimento sul losco figuro che è avvocato difensore dello stupratore [13′]

Ascolta un intervento di BeFree sulle violenze sulle donne nei Cie [14’30”]

Ascolta un estratto dell’intervista a Pinar Selek sulla costruzione della mascolinità nell’esercito [12′]

Ascolta un intervento sullo stupro come tortura usato contro le prigioniere politiche basche [15′]

Ascolta la terza corrispondenza dal presidio [11′]

Il 18 ottobre vieni al sit-in al Tribunale de L’Aquila

Le indicazioni stradali complete di mappa, caricate dalle compagne dell’mfpr
 

CI RIGUARDA TUTTE

Il 12 febbraio 2012, in una discoteca di Pizzoli (L'Aquila), una giovane donna di 20 anni è stata stuprata e ridotta in fin di vita.

Accusato di questa aggressione e tentato omicidio è Francesco Tuccia, un militare in servizio all'Aquila per l'operazione “Strade Sicure”partita dopo il terremoto.

La ragazza è stata ridotta in fin di vita e le sono state procurate lesioni gravissime e permanenti.
Il 18 ottobre all'Aquila si terrà la prima udienza del processo.

Quel giorno GIOVEDI’ 18 OTTOBRE alle ore 08.30 noi saremo lì al Tribunale de L’Aquila (Zona Industriale di Bazzano) a dire che:

CI RIGUARDA TUTTE
l’efferatezza e la viltà degli uomini che in una notte di febbraio hanno massacrato il corpo e la vita di una donna lasciata sulla neve a morire.

CI RIGUARDA TUTTE
il massacro del corpo e dei desideri di ogni donna, di ogni età condizione e luogo, che viene disprezzata, usata, maltrattata, percossa, uccisa, stuprata.

CI RIGUARDA TUTTE
l'uso che si fa dei nostri corpi in nome di una sicurezza che non ci tutela ma, anzi, ci usa per emettere leggi razziste e repressive.
Non ci stancheremo mai di dire che la violenza degli uomini sulle donne non dipende dalla nazionalità/cultura/religione, né dalla classe sociale di appartenenza.

CI RIGUARDA TUTTE
perché non vogliamo più doverci difendere da padri, fidanzati, amici, vicini di casa, datori di lavoro, fratelli, zii, medici, maestri, militari….
Saremo lì ad affermare la voglia e il diritto di autodeterminare le nostre vite.
GIOVEDI’ 18 OTTOBRE SIT IN DI DONNE 
Ore 8:30 Tribunale de L'Aquila - Zona Industriale di Bazzano 

 

Biblioteca delle Donne Melusine - Centro Antiviolenza per le Donne - L'Aquila e Martedì Autogestito da Femministe e Lesbiche di Roma

per ulteriori info scrivi a mfla@ondarossa.info