Trasformazioni femministe #7: intersezionalità e politica del posizionamento

Ascolta la settimapuntata: intersezionalità, militanza e politica del posizionamento [dura 47′]
L’obiettivo di “TRASFORMAZIONI FEMMINISTE” è di costruirci insieme una cassetta degli attrezzi per una trasformazione possibile. Ovvero, come possiamo trasformare il mondo dal nostro posizionamento specifico in quanto femministe e lesbiche? E quali trasformazioni sono oggi in atto all’interno delle teorie e delle pratiche femministe? Perché preferiamo parlare di femminismi al plurale? Come cambia la nostra percezione del mondo e del femminismo se viviamo a Roma, a Boston o al Cairo? E come possiamo costruire percorsi di lotta e alleanze politiche tra femministe che superino i confini di classe, colore, età, nazionalità o religione?
Qui puoi ascoltare la prima trasmissione: Femministe e lesbiche nere negli Stati Uniti: la simultaneità delle oppressioni di sesso, classe e colore
E qui puoi ascoltare la seconda: Femminismi nel mondo islamico: tra libertà, tradizione e autodeterminazione, con Renata Pepicelli
E la terza: Letteratura postcoloniale – le scrittrici Africane Italiane, in studio Caterina Romeo
La quarta trasmissione, qui: «Domestic work is work» la battaglia per i diritti delle domestiche nel mondo, con Sabrina Marchetti
E la quinta trasmissione: «Domestic work is work» la battaglia per i diritti delle domestiche nel mondo, con Sabrina Marchetti
La sesta trasmissione è qui:

Appello per Pinar Selek

Il 30 aprile ad Ankara ci sarà l’appello presso la Corte di Cassazione –> la decisione è stata rimandata al 11 giugno
Ascolta la replica di un’intervista con Pinar Selek realizzata nell’ottobre 2012 dall’mfla [dura 58′]


Appello per Pinar Selek (aprile 2014)

Come sapete, nel gennaio 2013 Pinar Selek è stata condannata all’ergastolo, anche se era già stata assolta tre volte in passato per le stesse accuse. Gli esperti interpellati sul caso hanno ipotizzato che l’esplosione non sia stata causata da una bomba , di cui Pinar è accusata, ma da una fuga di gas.

Le/gli avvocate/i di Pinar Selek hanno ricorso contro la sentenza, ma il procuratore capo della Corte suprema di appello ha presentato una richiesta di approvazione della sentenza di condanna emessa dalla dodicesima Corte criminale di Istanbul contro Pinar Selek, sentenza che prevede l’ergastolo, nonostante le/gli avvocate/i sostengano che la kafkiana procedura giudiziaria abbia violato tutti gli standard internazionali e turchi sull’essere processati due volte per un solo reato e sui processi penali. Leggi il resto »

Trasformazioni femministe #6: femminismo marocchino

Ascolta la sesta puntata: percorsi del femminismo marocchino negli ultimi dieci anni, con Renata Pepicelli e due compagne del Marocco in collegamento telefonico [dura 1h]
L’obiettivo di “TRASFORMAZIONI FEMMINISTE” è di costruirci insieme una cassetta degli attrezzi per una trasformazione possibile. Ovvero, come possiamo trasformare il mondo dal nostro posizionamento specifico in quanto femministe e lesbiche? E quali trasformazioni sono oggi in atto all’interno delle teorie e delle pratiche femministe? Perché preferiamo parlare di femminismi al plurale? Come cambia la nostra percezione del mondo e del femminismo se viviamo a Roma, a Boston o al Cairo? E come possiamo costruire percorsi di lotta e alleanze politiche tra femministe che superino i confini di classe, colore, età, nazionalità o religione?
Qui puoi ascoltare la prima trasmissione: Femministe e lesbiche nere negli Stati Uniti: la simultaneità delle oppressioni di sesso, classe e colore
E qui puoi ascoltare la seconda: Femminismi nel mondo islamico: tra libertà, tradizione e autodeterminazione, con Renata Pepicelli
E la terza: Letteratura postcoloniale – le scrittrici Africane Italiane, in studio Caterina Romeo
La quarta trasmissione, qui: «Domestic work is work» la battaglia per i diritti delle domestiche nel mondo, con Sabrina Marchetti
E la quinta trasmissione: «Domestic work is work» la battaglia per i diritti delle domestiche nel mondo, con Sabrina Marchetti

Le mobilitazioni per l’8 marzo

Spazio dedicato alle mobilitazioni dell’8 marzo, con diretta dalle piazze di:

 

Torino: un corteo radicale di donne, femministe e lesbiche, occupanti di case, migranti, donne no tav, raccontato da una compagna di MeDea

 

Roma-1: l’inizio del corteo “io decido” ed il percorso politico, raccontati da una compagna del collettivo Degender
Roma-2: la manifestazione raccontata da una compagna del Centro donna Dalia a piazza dei Condottieri, da cui il corteo è partito
Roma-3: conclusione della manifestazione e commento sulla legge regionale contro il femminicidio a cura di una compagna del Centro donna Lisa

 

Bologna-1: una piazza di femministe e lesbiche a piazza Maggiore, con interventi politici e festaioli

Bologna-2: una compagna delle Mujeres Libres racconta la manifestazione contro l’obiezione di coscienza

 

Milano-1: iniziativa sotto la regione Lombardia + presentazione del Dossier “La scintilla dello sciopero delle donne” a cura delle compagne del Movimento femminista proletario rivoluzionario
Milano-2: concentramento di fronte ad un consultorio, alle 19 parte la slut walk di riappropriazione simbolica della città, raccontata da una compagna del collettivo femminista e lgbit Lucciole

 

Firenze: una manifestazione per l’autodeterminazione “io decido”, raccontata da una compagna di Tutte libere

 

Palermo-1: una grande manifestazione tante donne “io decido”, con le studentesse di Anillo de fuego
Palermo-2: …e le lavoratrici e precarie dello Slai Cobas

 

Padova: corteo regionale “io decido sempre”, al telefono con una Fuxia block

 

Taranto: il corteo della mattina per chiedere lavoro per le donne, raccontato da una lavoratrice delle pulizie

 

Ascolta le riflessioni a cura dell’mfla sull’assenza delle parole d’ordine di visibilità lesbica in quasi tutte le manifestazioni di oggi e sulla necessità del separatismo [dura 9′]
Ascolta le riflessioni finali, sempre a cura dell’mfla [dura 7′]

 

8 marzo a Istanbul, Madrid, Vienna, Hannover e Palestina

Istanbul: le donne, femministe e lesbiche si sono date appuntamento per un corteo notturno in Piazza Taksim, sfidando il divieto di manifestare la sera. Qui l’appello del Collettivo femminista di Istanbul.

Madrid: questa sera a Madrid è previsto un corteo notturno “Yo decido”, contro il progetto di legge del governo Rajoy che di fatto abolisce l’aborto.

Vienna: un corteo radicale di femministe, lesbiche e bambine, con vari blocchi stradali e una sosta davanti al carcere per un saluto solidale alle/ai detenute/i.

Hannover: una compagna di Radio Flora racconta le iniziative previste per l’8 marzo 2014 in Germania ed in particolare a Hannover.

Ascolta le notizie dalla manifestazione di donne in Palestina per l’8 marzo, caricata dall’esercito israeliano e i saluti alle donne in lotta nel mondo.