Sakine Canzis: Tutta la mia vita è stata una lotta

Ascolta la presentazione del libro di Sakiné Cansiz “Tutta la mia vita è stata una lotta” e delle iniziative di questa settimana [dura 53′]
– venerdì 12 febbraio – ore 18.30: proiezione del documentario “Sara”, al Cinema Palazzo
– sabato 13 febbraio – ore 11.30: riunione di donne della Rete Kurdistan, alla Casa Internazionale delle donne
– sabato 13 febbraio – ore 15: presentazione del secondo volume del libro di Sakine Cansiz, alla Casa Internazionale delle donne
– domenica 14 – ore 15: presidio al Colosseo in solidarietà con il popolo kurdo e per la libertà di Ocalan
Per info sul libro: www.uikionlus.com

Ingeborg Kraus – La prostituzione è incompatibile con l’uguaglianza uomini-donne

Ingeborg-KrausAscolta la puntata [dura 42 minuti]

L’intervento di Ingeborg Kraus alla Conferenza di Madrid organizzata dalla «Commissione per l’indagine sui maltrattamenti alle donne», con il titolo «La prostituzione è incompatibile con l’uguaglianza uomini-donne »   Madrid, 15.10.2015

Buon ascolto!
Puntata del 26 gennaio 2016, trasmissione ControEssenze a cura di Connettive.

Rojava, la rivoluzione delle donne kurde: incontro di compagne con Nessrin, comandante Ypj

Ascolta l’incontro tra le compagne e Nessrin Abdallah, comandante delle Ypj, al Tpo di Bologna (27 giugno 2015)
[dura dura 32′]

A giugno 2015 sono venuti in Italia rappresentanti del confederalismo democratico del Rojava, tra cui Nessrin Abdallah, comandante delle Ypj (unità di difesa delle donne). Le compagne le hanno chiesto un incontro separato, di cui vi facciamo ascoltare l’audio… un po’ in ritardo perché il file era andato perduto, ma come per magia si è nuovamente palesato, appena ritrovato l’abbiamo tradotto e ve lo proponiamo.

Nessrin parla dei vari fronti della lotta delle donne curde impegnate contro la società capitalista, l’Isis e il maschilismo dei compagni. Le Ypj sono diventate un riferimento per molte donne e anche per le ragazzine, che sanno che la presa di coscienza è l’unica salvezza per loro. Per questo molta attenzione è posta nelle accademie per la formazione di donne nuove e libere e per l’addestramento di future combattenti.