Pinar Selek – un’altra sentenza positiva

Ascolta l’intervista a Pinar Selek, dopo l’ultima sentenza positiva del processo, di venerdì 3 ottobre a Istanbul, in cui il gruppo di avvocate/i di Pinar hanno ottenuto di essere sentiti nel merito del caso.
Inoltre il giudice ha riconosciuto la cancellazione della reclusione, mentre il mandato d’arresto internazionale contro Pinar era già stato cancellato.
[dura 24']
Il processo riprenderà il 5 dicembre.
Pinar Selek non è sola!

Donne kurde combattenti

Ascolta lo spazio [dura 25'] di presentazione del convegno Praticare la libertà contro la guerra senza fine del sistema patriarcale: donne curde in Irak, Siria, Europa alla Casa internazionale delle donne, l’11 ottobre (ore 9,30 – 18).
Ce ne parla l’avvocata Simonetta Crisci, tra le organizzatrici del convegno: un’occasione per dare voce alle donne protagoniste della rivoluzione femminile curda, alle testimoni delle violenze, alle donne che dall’estero contribuiscono a informare e denunciare le violazioni dei diritti umani.

 

Abbiamo anche mandato in onda degli stralci del documentario Un giorno in Siria tra le donne kurde combattenti, di Rozh Achmad, sulla resistenza delle donne curde siriane delle Ypg, le Unità di difesa delle donne al terrorismo fondamentalista islamico.

Some prefer cake 2014

Ascolta lo spazio di approfondimento “I muri abbattuti diventano ponti”, che ci riporta alla VIII edizione di Some prefer cake, il festival del cinema lesbico di Bologna, che si è tenuto dal 17 al 21 settembre.
Raccontiamo insieme ad una delle organizzatrici.
Inoltre ascoltiamo una parte dell’incontro con la regista Esther Hoffenberg sul documentario La chasse à l’amour sulla scritticre Violette Leduc.
[dura 54']

Kesbilè: nuova stagione

puzzle-kesbilc3a8-mini3 In studio con noi ci sono Sara e Nancy della staff del Kesbilè, progetto romano che ha alla base tutta la carica e l’energia creativa delle donne, che tra poco inizierà una nuova stagione. Noi del CLR le abbiamo intervistate. 
Ascolta “È una calamità di cui ci rendiamo perfettamente conto” trasmissione a cura del Coordinamento Lesbiche Romane del 7 Ottobre 2014 (304ª puntata)

I licenziamenti al “Brico io” di L’Aquila devono essere ritirati!

Solidarietà a Luigia e alle altre lavoratrici licenziate

 

Le lavoratrici del Brico io di L’Aquila il 25 novembre 2013 avevano partecipato allo sciopero delle donne, rompendo anche il clima di silenzio e subordinazione che ha accompagnato una riorganizzazione del lavoro fatta di più sfruttamento e che poi ha preparato i 4 licenziamenti di oggi, fra cui quello della lavoratrice, Luigia De Biasi, dello Slai cobas sc e del Movimento femminista proletario rivoluzionario, che quello sciopero aveva promosso.
Licenziamento è anche violenza, vuol dire tornare a casa, vuol dire peggiori condizioni di lavoro per chi resta, vuol dire che domani potrebbe toccare ad altre lavoratrici!
Questo avviene in una città come L’Aquila, dove invece di ricostruire si continua a distruggere anche i pochi posti di lavoro e a far pagare la crisi non ai responsabili, ai padroni assassini che se la”ridono”, ma a chi di questa crisi non ha colpa.
Per questo noi CHIEDIAMO CHE LUIGIA E GLI ALTRI TORNINO SUBITO AL LAVORO.

Val di Susa: Voci di donne sulla violenza di stato

Ascolta una compagna del gruppo di donne Le Alvà della Clarea della Val di Susa, che ci racconta l’iniziativa che si è svolta la scorsa settimana, dal titolo: Voci di donne sulla violenza di stato. Testimonianze di omicidi impuniti e abusi. La Val di Susa e altri territori si incontrano e si confrontano [dura 10']
Qui il video integrale dell’incontro.