Solidarietà e sostegno a Pinar Selek

CHIEDIAMO MASSIMA DIFFUSIONE – E’ IMPORTANTE CONDIVIDERE SUI SOCIAL NETWORKS, MANDARE EMAIL AI GIORNALI, SCRIVERE UNA LETTERA DI SOSTEGNO A PINAR SELEK, RICHIAMARE L’ATTENZIONE DELL’OPINIONE PUBBLICA E DELLA STAMPA DI TUTTO IL MONDO

 Pina Selek
CHI E’ PINAR SELEK? Pınar Selek è sociologa, femminista, antimilitarista e attivista per la pace che sta per essere nuovamente portata a giudizio in Turchia, nonostante sia stata precedentemente assolta ben due volte.
Pınar Selek ha dedicato la sua vita alla lotta per i diritti dei gruppi emarginati ed oppressi, si trova adesso ad affrontare una richiesta di condanna a 36 anni di reclusione in Turchia, avanzata dal 9° Dipartimento Penale della Corte d’Appello.
Pinar è diventata bersaglio della repressione turca a causa di una ricerca sociologica condotta nel 1996 sulle condizioni del conflitto armato tra la Turchia e il Kurdistan e le possibilità di soluzione. Nel 1998, quando viene fermata dalla polizia Turca, Pinar ha nella borsa i colloqui con alcuni militanti curdi, l’ultimo progetto a cui sta lavorando.

COSA E’ SUCCESSO A PINAR? La polizia la ferma, requisisce le registrazioni, vuole i nomi delle persone intervistate. Lei si difende, invocando il segreto professionale. Una spiegazione insufficiente per la giustizia turca: seguono otto giorni di tortura, un’accusa di terrorismo e due anni e mezzo di carcere.

ORA PINAR RISCHIA 36 ANNI DI CARCERE.
Il 13 dicembre 2012 c’è stato l’ultimo atto di questo processo che ha visto l’ennesimo rinvio al 24 gennaio 2013, alle ore 10 presso la 12° Sezione della Corte Penale di Istanbul, con la richiesta illegittima di una nuova condanna a 36 anni di carcere per Pinar, nonostante le precedenti assoluzioni.Pınar Selek stava per finire la sua ricerca sulle conseguenze e gli effetti della guerra civile in Turchia, che per decenni aveva causato numerose vittime e sofferenze al paese, quando si è vista coinvolta in una conspirazione che la accusava di avere messo una bomba al Bazar delle Spezie di Istanbul. Ha trascorso due anni e mezzo in prigione e altri 11 anni nelle aule dei tribunali. Benché fosse stata assolta due volte, ha dovuto sopportare continue accuse che la tacciavano di essere una “terrorista”. La sua maniera di rispondere a questi attacchi era l’unica che conosceva: con la conoscenza, l’amore e le sue esperienze di vita. 

PUBBLICAZIONI di PINAR SELEK. Durante quel duro periodo, Pinar non ha rinunciato ai suoi studi e al suo impegno sociale: ha scritto “Non siamo riusciti a riconciliarci” [Barışamadık, 2004, Ithaki Publishing] sulle numerose lotte della Turchia moderna per aggiungere una pace permanente e “Una vita da cani: mascolinità” [Sürüne Sürüne Erkeklik, 2008, İletişim Publishing] sulla virilità nel contesto delle esperienze di servizio militare. Inoltre ha anche scritto un libro di racconti: “Goccia di acqua” [Su Damlası, 2008, Özyürek Publishing].

Pınar Selek ha dedicato la sua vita al rispetto di un atteggiamento etico e morale contro la guerra e alla lotta attiva contro tutti i tipi di violenza. Ha partecipato a numerose conferenze e seminari su sessualità, militarismo,
violenza, ecologia, mass-media, ragazzi di strada e gruppi socialmente emarginati. Ha pubblicato articoli su questi temi in diversi giornali, periodici e riviste scientifiche.

BIOGRAFIA E ATTIVISMO – Nata a Istanbul nel 1971, dopo aver conseguito il suo diploma al liceo francese Notre Dame di Sion si è laureata con onoreficenze presso il Dipartimento di Sociologia dell’Università Mimar Sinan. Nel 1996, viene pubblicata da Belge Publishing la sua traduzione-selezione “Ya Basta-Artık Yeter”, dedicata ai movimenti indigeni del Messico. La sua tesi di Master è stata pubblicata con il titolo: “Maschere, Cavalieri, Gacias, via Ülker: un luogo di emarginazione” [Maskeler, Süvariler, Gacılar-Ülker Sokak: Bir Dışlanma Mekânı, 1ª edizione: 2001, Aykırı Publishing; 2ª edizione: 2007, Istiklal Publishing]. Nel 2001 è stata fra le fondatrici della Cooperativa di donne Amargi (http://amargigroupistanbul.wordpress.com/), ha organizzato incontri a Diyarbakır, Istanbul, Batman e Konya.
Dal 2006 ha lavorato come editrice e coordinatrice della rivista femminista Amargi. È anche co-fondatrice della prima libreria femminista della Turchia, Amargi, aperta al pubblico dal 2008 e in questo luogo, ha coordinato fino ad oggi il gruppo di lettura e di scrittura “ Quali porte aprono le nostre esperienze ?”.

Durante questo periodo di duro lavoro, più di 2000 persone, fra cui figure intellettuali note come Orhan Pamuk e Yaşar Kemal, scrittori, registi di cinema e teatro, giornalisti, avvocati, attivisti, accademici, e, ovviamente molte donne, hanno dichiarato la propria solidarietà a Pınar Selek affermando: “Siamo testimoni dell’atteggiamento di Pinar selek contro la violenza”.

PROSSIMO APPUNTAMENTO. IL 24 GENNAIO AD INSTANBUL. Mentre Pınar Selek continua la sua battaglia legale e la sua ricerca accademica le persone che la supportano continuano ad incoraggiarla e darle forza per portare avanti la sua lotta.
Il 24 gennaio potrebbe essere condannata a 36 anni di reclusione. Per quel giorno è prevista, sotto il Tribunale di Istanbul, la presenza di osservatori e osservatrici internazionali, con una delegazione anche dall’Italia.

Invitiamo le giornaliste e i giornalisti e tutte/i quelle/i che ne hanno la possibilità a diffondere la sua storia.

a cura del Martedì Autogestito da Femministe e Lesbiche: trasmissione radiofonica di Radio Onda Rossa (http://mfla.noblogs.org/) (http://www.ondarossa.info/)

Per maggiori informazioni:
http://solidarietapinarselek.noblogs.org/
http://www.pinarselek.fr/

http://www.youtube.com/watch?v=thpbZNR05u0
http://www.pinarselek.com/public/destek.aspx?id=48
http://www.marieclaire.it/People/Intervista-alla-femminista-turca
antimilitatista-e-sociologa-Pinar-Selek
http://www.pinarselek.com/public/destek.aspx?id=47

Per esprimere solidarietà a Pinar scrivere una mail, possibilmente in inglese, a:
solidarietapinarselek.italia@gmail.com

Una risposta to “Solidarietà e sostegno a Pinar Selek”

  1. […] approfondire la vicenda giudiziaria che ha coinvolto Pinar Selek rimandiamo all’appello di solidarietà diffuso nei giorni scorsi sul sito […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *